venerdì 8 dicembre 2017

A Taxi Driver

Cari tassinari, 
per festeggiare la prima ricorrenza di dicembre, il vostro gruppo di coreamaniaci preferito, vi propone un altro grande titolo. Si tratta di un film recente, che ha visto il ritorno dell'instancabile Jang Hoon, pupillo di Kim Ki-duk e stranoto su questo blog per i suoi successi passati: Rough Cut, Secret Reunion e The Front Line.

Con il suo stile asciutto e diretto, confeziona un film difficile, politico, ma che ti acchiappa subito con i toni della commedia e l'ambientazione patinata dei primissimi anni Ottanta. Una meticolosa ricostruzione di Seul con le sue berline tre volumi, i palazzoni con lunghe balconate e una colonna sonora che si bea nel trovare pezzi di discomusic agghiaccianti. Poi qualcosa va storto e d'improvviso gli eventi sfociano in una vicenda tanto grottesca quanto reale. Si inizia col sorriso e si arriva piano piano alle lacrime. Una delle cose che al cinema coreano riesce meglio!

Hoon si conferma un grande professionista nel girare scene d'azione mozzafiato. Ci sono inseguimenti a piedi, in auto, sparatorie e sommosse popolari con un alto livello tecnico di difficoltà. C'è qualche forzatura ed alcune scene in cui evidentemente si lascia prendere troppo la mano, ostentando tutta la sua arroganza giovanile, ma è tutto a vantaggio della spettacolarità. Altro punto a favore è non essere scivolato nella facile retorica che la storia si trascina dietro. Magari un po' nel finale, ma è comunque una storia vera e davanti a certi eventi una persona ha bisogno di ritrovare la fiducia nell'Umanità.

Si parte da Seul in quello che era ancora un placido giorno qualunque di maggio e si corre a Gwangju per scappare dalla povertà e certamente non in cerca di guai. Ognuno con il suo fardello. Sia il tassista che in quel taxi verde pisello ci ha messo tutte le speranze per un futuro migliore, sia un misterioso missionario tedesco che è in realtà un giornalista.

Inizia così un viaggio più o meno metaforico nei meandri dell'umanità. Una discesa negli inferi della nostra vera natura, che implacabile riemerge quando cadono le regole della civile convivenza. Un futuro migliore, dicevamo, si può inseguire con atti eroici, con un lavoro umile e a volte semplicemente osservando con la mente aperta quello che ci succede intorno.

La storia del massacro di Gwangju è una ferita aperta nella storia recente coreana. Una cosa che noi occidentali possiamo solo cercare di immaginare, anche se di esempi ne abbiamo in abbondanza. Una rivolta contro un regime autoritario che si trasforma in un bagno di sangue, guidato da pochi fanatici posti ai vertici di istituzioni preposte proprio a mantenere l'ordine.

La storia che abbiamo già visto in A men who was Superman, The Old Garden e che faceva da sfondo ad alcune scene di The Attorney, oggi resa più viva che mai da questa visuale privilegiata, proprio al centro della rivolta.

La storia di un evento che non sarebbe dovuto trapelare, come probabilmente è successo infinite volte nella storia dell'Umanità. Qualcosa da cui imparare ad evitare certe situazioni, ma anche certe leggerezze nel giudicare quello che ci accade intorno, specie se filtrato dall'occhio spesso poco imparziale dei mezzi di comunicazione di massa.

Song Kang-ho: dopo gli ininterrotti successi della sua carriera, continua a vestire i panni di personaggi che sembrano essergli cuciti addosso. Carismatici, anche se a volte un po' imbranati, sinceri fino all'autolesionismo e genuini. Il tassista, poi, gli è venuto particolarmente bene. Casinista ma ansioso di afferrare al volo la sua buona occasione, che finge di saper parlare inglese pur di caricare un cliente importante. E' così che ce lo siamo immaginati a Hollywood, mentre sul set di Snowpiercer fingeva di capire Chris Evans.

Thomas Kretschmann: bello, con tratti molto europei, cattura subito l'attenzione dei passanti locali. La sua è una carriera che l'ha portato in giro per l'Europa e gli Stati Uniti. Ha girato film in inglese, tedesco, francese, italiano e norvegese.

Un'altra grande traduzione della nostra impagabile ela che ormai non ha bisogno di presentazioni, ma si accontenta di tanto amore (e bonifici), gratitudine (e vini pregiati) e un posticino nei vostri cuori.

TRAMA: Kim Man-seob (Song Kang-ho) è un tassista di Seul. Vedovo e squattrinato, spera di guadagnare qualche soldo extra, accompagnando a Gwangju Jurgman Hinzpether (Thomas Kretschmann) un misterioso missionario. Ma in realtà il missionario è un giornalista e ad attenderli a destinazione c'è una brutta sorpresa...

Presto disponibile in Homevideo.
Sottotitoli disponibili nel nostro fansub.
Buona visione!

giovedì 25 maggio 2017

The Age of Shadows

Care spie, 
il film che vi presentiamo oggi è del 2016 ed è un Colossal da 8,6 milioni di dollari che ha segnato il ritorno in patria del grande Kim Jee-woon dopo la discutibile parentesi hollywoodiana.

Torna il suo grande talento di regista e scrittore, temprato dalle esperienze americane e corroborato da una quantità imbarazzante di soldi che la Warner Bros gli sgancia senza troppe storie per finanziare una storia coreanissima, ai limiti del campanilismo, ma che al box office dimostra di aver colpito al cuore sia a Oriente che a Occidente, incassando oltre 55 milioni di dollari.
Per lui, due degli attori più grandi degli ultimi tempi:

Song Kang-ho che ricorderete per The face reader (tradotto per noi da ela), The Attorney (tradotto per noi da Daesdemona, DeepWhite999, ela e Mac Guffin), Secret Reunion (tradotto per noi da ela), Howling (tradotto per noi da Hellboy27) e Hindsight (tradotto per noi da ela) nei panni di una spia coreana al servizio della polizia giapponese.

Gong Yoo che ricorderete per Silenced (tradotto per noi da ela) e Train to Busan (tradotto per noi da DeepWhite999), nei panni di un ribelle al vertice del movimento indipendentista detto Corpi Eroici.

...e tanta altra bella gente, tra cui Lee Byung-hun che ricorderete per Addicted (tradotto per noi da DeepWhite999), Once in a Summer (tradotto per noi da Daesdemona) e Masquerade (tradotto per noi da ela), tanto per dirne uno!

Ambientato in una Corea oppressa dall'occupazione giapponese, il film è un'escalation di virtuosismi. Una fotografia stupenda, scenografie affascinanti, costumi impeccabili, scene d'azione semplicemente perfette e una trama ad orologeria, di quelle che il cinema coreano raramente riesce a creare senza sbavature o divagazioni.

Un altro regalo dei nostri supereroi DeepWhite999 e ela a cui doniamo i nostri cuori nei secoli dei secoli!

TRAMA: Il capo della polizia giapponese, un coreano di nome Lee Geong-chool (Song Kang-ho), è sulle tracce di un gruppo di ribelli indipendentisti che minano la supremazia del governo giapponese sulla colonia coreana. Kim Woo-jin (Gong Yoo), vice comandante dei ribelli Corpi Eroici, avvicinato come uomo chiave, avrà il compito di portare in seno la serpe degli infiltrati nascosti tra le sue fila mentre si approvvigiona di esplosivi a Shanghai. Tra spionaggio e controspionaggio, tutti hanno molte facce, ma i Corpi Eroici sanno che si può avere un solo cuore ed è a quello che mirano...

Presto disponibile in DVD
Sottotitoli disponibili nel nostro fansub.
Buona visione!

domenica 16 aprile 2017

Cruel Winter Blues

Cari teppisti, 
il film che vi proponiamo oggi è del 2006, scritto e diretto da Lee Jeong-beom, il regista dell'acclamato The Man From Nowhere tradotto per noi da Mac Guffin.
Un film con tanti buoni spunti e quel sapore un po' acerbo di un regista che farà grandi cose, ma al momento dell'uscita in sala è solo un esordiente con alcuni cortometraggi alle spalle. Lo si vede dal tono dimesso con cui gira scene d'azione impeccabili, ma senza l'arroganza di fare lo splendido come si potrà permettere in futuro.
Creditato come un gangster movie di bassa lega per far staccare due biglietti in più, ha coperto appena 2,5 dei 4 milioni di dollari del budget, ma ha regalato al pubblico in sala molto di più di un film d'azione.

Si ride, ci si perde nelle atmosfere della provincia, ma in qualche modo questo regista riesce a tenere una tristezza di fondo. Non solo una naturale tendenza al dramma, ma un vero e proprio legame empatico con lo spettatore, al quale non vuol mai far dimenticare che anche se si ride o si esagera con le caricature, la vita là fuori è dura e va presa sul serio.

Sulla scena troviamo un cast splendido:
Sol Kyung-gu, indimenticabile protagonista di Peppermint Candy e Oasis di Lee Chang-dong e corpo senza volto del padre della piccola Jin-hee in A Brand New Life (tradotto per noi da DeepWhite999). Per lui il ruolo di un gangster sboccato e chiassoso.
Jo Han-sun, un volto da cucciolo smarrito, ma uno sguardo intenso, il classico Superman travestito da sfigato!
Na Moon-hee, classe 41, già su questo blog per The Quiet Family e Crying fist, fa la parte dell'adorabile signora anziana, che tanto adorabile in realtà non è!
Shim Yi-young, la bella di Real Fiction, fa la bella campagnola dai modi molto grezzi.

Il regalo di Pasqua del nostro amato Caprenne a cui va tutta la nostra gratitudine e... a proposito, buona Pasqua a tutti!

TRAMA: In una sonnolenta provincia detta Jeolla Meridionale, all'estremo sud della penisola coreana, Jae-mun (Sol Kyung-gu) un pericoloso gangster in cerca di vendetta e il suo scagnozzo Chi-guk (Jo Han-sun), si ritrovano a passare un po' di tempo con Jeon-sim (Na Moon-hee) un'anziana ristoratrice del posto e senza accorgersene, costituiscono una piccola e improbabile famiglia. Ma questo quadretto idilliaco è destinato a finire in un bagno di sangue...

Disponibile in DVD su Amazon
Sottotitoli disponibili nel nostro fansub.
Buona visione!

venerdì 13 gennaio 2017

Right Now Wrong Then

Cari registi, 
il film di oggi è del 2015 ed è l'ultima fatica di Hong Sang-soo, già stranoto a questo blog per titoli come Woman on the Beach, Ahahah, Woman is the future of Man, In occasion of remembering the Tourning Gate. Hong è il simbolo stesso del cinema indipendente sud coreano, con le sue diciassette pellicole amate in Europa e snobbate in patria. Il festival di Locarno sta a Hong come quello di Venezia stava a Kim Ki-duk. Lui continua a testa bassa nonostante le produzioni sempre più risicate, tanto da non potersi permettere una colonna sonora o grandi scenografie. Continua con i suoi tormentoni quali la provincia, la figura del regista in trasferta, certe figure femminili quasi idealizzate. Il suo linguaggio è semplice e diretto. Non aspettatevi evoluzioni da intellettuale indipendente. Ci fa sorridere con i suoi personaggi sempre un po' patetici, sempre pronti ad esagerare con l'alcol e collezionare figuracce. Il sesso è un motivo di ansia e grandi aspettative. Insomma c'è sempre da sorridere e incantarsi con le ambientazioni tipicamente coreane. Dai bar ai ristorantini, dai monumenti ai salottini privati.

La trama ci porta a Suwon, piccola località turistica quasi al confine con la Corea del Nord ma con grandi monumenti in quanto vanta antichi fasti. Lì, fra antichi monumenti e stradine suggestive, un regista famoso incontra una giovane pittrice e cerca di conoscerla meglio. Il loro flirt li porta ad una inevitabile introspezione reciproca e quando tutto sembra essere precipitato, la storia ricomincia da capo per una seconda opportunità. Ma ecco che con una sottile ironia, l'inesorabile destino ci dimostra che anche se tutto cambia, niente cambia.

Questa volta come protagonisti ha avuto due grandi attori:

Jung Jae-young nei panni del famoso regista, lo ricorderete sicuramente per Green Fish e The Quiet Family, ma soprattutto per Castaway on the Moon. La sua interpretazione lo rende quasi irriconoscibile e gli è valsa una valanga di premi come miglior attore a Locarno e in quasi tutti i festival asiatici nel 2015 e 2016.

Kim Min-hee appena vista in The Handmaiden nei panni di Lady Hideko.

Young Yuh-jung indimenticabile protagonista di Mother e immancabile nelle pellicole di Hong.

Un'altra traduzione del nostro luminosissimo DeepWhite999!

TRAMA: Ham Cheon-soo (Jung Jae-young) è un regista famoso che si reca a Suwon con un giorno d'anticipo per partecipare ad un piccolo festival cinematografico. Spende il suo giorno libero vagando per la città e incontra Yong Hee-jung (Kim Min-hee) una bella donna a cui fa subito una buona impressione, ma poi manda tutto in vacca bevendo come un maiale e comportandosi da idiota. A metà esatta del film scopre di aver sognato tutto e i fatti si ripetono dal principio, ma con la sua nuova consapevolezza cerca di agire in modo diverso. Ci riuscirà?

Presto disponibile in DVD. Disponibile in STREAMING su Amazon.com per gli utenti Fandor.
Sottotitoli disponibili nel nostro fansub.
Buona visione!

venerdì 30 dicembre 2016

The Handmaiden

Cari camerieri,
per chiudere in bellezza questo 2016, vi proponiamo nientemeno che l'ultimo film dell'acclamatissimo regista Park Chan-wook, già stranoto in questo blog per opere come JSA, Thirst, I'm a cyborg but that's ok e la Trilogia della vendetta.
Reduce dalla (dis)avventura hollywoodiana, il prode Park torna in Corea e mette in piedi una produzione imponente. Se il suo Stoker è costato 12 milioni di dollari, assestandosi nell'area confortevole delle produzioni low-budget per gli standard di Hollywood, con The handmaiden si stima che abbia speso l'equivalente di 8,8 milioni, cifra capace di far tremare le casse più ristrette dei produttori coreani, ma ripagata senza problemi con un incasso che supera abbondantemente i 35 milioni.

La resa sullo schermo è completamente diversa. Se in Stoker la mano di questo regista poliedrico risultava soffocata da una pesante patina dettata da standard e codifiche imposte da produttori maniaci del controllo, la libertà d'azione in The Handmaiden è totale. La sceneggiatura prende spunto dal romanzo Fingersmith della scrittrice gallese Sarah Waters. Originariamente ambientati in epoca vittoriana, gli eventi narrati in questo film vengono spostati nello spazio e nel tempo, approdando nella Corea occupata dal Giappone tra il 1910 e la fine della seconda guerra mondiale.

I costumi, le ambientazioni, in particolare la villa dentro la quale si svolgono la maggior parte delle scene, hanno un impatto visivo che lascia senza fiato. In onore del romanzo originale, l'architettura è un ibrido tra epoca vittoriana e sfarzosi palazzi giapponesi di stile imperiale. I personaggi sono così sfaccettati che a volte è difficile seguirne le evoluzioni, tra flashback e colpi di scena. Come sempre, è difficile inquadrare l'opera in un genere. Si tratta di un Thriller psicologico, ma anche di un Erotico (V.M. 18) e di un Drammatico.

Esteticamente è senza dubbio un capolavoro. Ogni scena è un piacere per gli occhi. Ogni luce è curata nei minimi dettagli. Potete mettere in pausa in qualsiasi momento e QUEL fotogramma sarà un capolavoro!

La trama pullula di riferimenti per quelle che sono le ossessioni del regista. C'è una famiglia disfunzionale, il germe della follia, l'amore per il grottesco, il tutto supportato da un cast eccezionale:

Kim Tae-ri, modella e cantante al suo debutto come attrice, fa incetta di premi nei festival coreani. Il suo viso è molto caratteristico: mento appuntito, carnagione scura, molta coreanità negli occhi e negli zigomi. Per lei il personaggio più complicato: la bella cameriera che cerca di non tradire troppo le sue nobili origini, mentre cerca di non tradire il suo mandante senza scrupoli, mentre cerca di non tradire il suo cuore, mentre cerca... ci siamo capiti, no?

Kim Min-hee, modella e attrice televisiva e cinematografica (che presto vedremo diretta da Hong Sang-soo), è la giovane ereditiera repressa e isterica. Uno dei personaggi più inquietanti della storia!

Ha Jung-woo, che non ha bisogno di presentazioni dopo i ruoli in Time e Breath di Kim Ki-duk, ma anche in The Chaser, Yellow Sea, Come rain come shine e Nameless gangster. Per lui il personaggio del perfido conte Fujiwara.

Moon So-ri, che non ha bisogno di presentazioni dopo titoli come  Peppermint Candy, Oasis, A good Lawyer's wife e An Ethic's lesson. Lei è la compagna dell'inquietante zio Kouzuki. Donna di pietra, quasi un manichino nelle mani di uno squilibrato. Se c'è qualcuno dentro di lei, si nasconde in un angolino buio.

I sottotitoli sono opera di InvisibleCervo, nome nuovo in questa pagina e in tutto il panorama di quei santi che ogni giorno si prendono la briga di tradurre per noi appassionati i film più belli per permetterci di vederli o di goderceli al meglio. Un grazie di cuore a nome di tutti e l'augurio che sia il primo di una lunga serie!

TRAMA: Sook-hee (Kim Tae-ri) è la nuova cameriera della signorina Hideko (Kim Min-hee), ricca ereditiera piena di paure. Ma Sook-hee è anche l'infiltrata per conto di un uomo senza scrupoli che si fa chiamare conte Fujiwara che ha tramato un piano diabolico per impadronirsi delle sue ricchezze. Intanto nella biblioteca lo zio Kouzuki (Cho Jin-woong) e la sua compagna (Moon So-ri), allietano le serate dei signorotti locali con le letture (e spesso le rappresentazioni) della sua imponente collezione di letteratura erotica antica...

Presto disponibile in DVD
Sottotitoli disponibili nel nostro fansub!
Buona visione!

venerdì 14 ottobre 2016

Train to Busan

Cari zombie, 
il film di oggi è del 2016, per la regia di Yeon Sang-ho. Si tratta di un horror a base di zombie, filone quantomai inflazionato in questi ultimi anni, specialmente nella sua variante apocalittica, quella cioè che racconta il passaggio da una società contemporanea civile ed organizzata, ad un'inferno di creature idrofobe e urlanti, senza più regole nè sentimenti. Un modo per parlare di paure, ma anche per criticare la società che si gioca a smontare e destrutturare fino a farne emergere il marcio.

Sorpresa a Cannes in primavera, record d'incassi in estate, pioggia di consensi adesso in autunno da parte del pubblico di praticamente tutto il mondo.

Un cast ricchissimo vede di nuovo insieme Gong Yoo e Jung Yu-mi, dopo Silenced (tradotto per noi da ela).
Ma Dong-seok lo ricorderete per Pained (tradotto per noi da DeepWhite999), Nameless Gangster (tradotto per noi da Scodazzi), The neighbor (tradotto per noi da Daesdemona), New World (tradotto per noi da Daesdemona, Cianolol, DeepWhite999 e ela), One on One (tradotto per noi da Daesdemona, DeepWhite999 e ela), The Royal Tailor (tradotto per noi da ela).
Kim Su-an (la bambina) l'abbiamo già vista in Hide and Seek (tradotto per noi da Daesdemona, DeepWhite999 e ela).

Dopo un'introduzione scarna ed elegante, la scena si sposta dentro un treno ultramoderno. Non sarà uno Snowpiercer, ma i treni sono sempre un teatro anomalo e affascinante. Scappare su un treno è quasi impossibile. Ma anche essere circondati è impossibile. Con una grande maestria, il regista vince la sfida di ambientare la maggior parte delle scene dentro gli spazi angusti dei vagoni, senza per questo temporeggiare o perdere il ritmo. Qualche esagerazione tipica del genere e forse qualche occasione persa per far saltare sulla sedia lo spettatore, ma nel complesso un film per tutte le sale.
In due ore che volano velocissime, si ride, si piange, si rimane con il fiato sospeso.

Un'altra traduzione del nostro profumatissimo DeepWhite999!

TRAMA: Seok-woo (Gong Yoo), è un uomo d'affari in carriera che sta trascurando la sua famiglia per il lavoro. Sua figlia Soo-an (Kim Su-an) lo costringe a mantenere una promessa fatta ed accompagnarla in treno fino a Busan, dove vive sua madre. Ma una strana infezione sta cambiano per sempre il mondo così come lo conosciamo e questo sogno idilliaco di riunire la famiglia potrebbe non essere così facile da realizzare...

Non ancora disponibile in DVD
Sottotitoli presto disponibili nel nostro fansub!
Buona visione! 

venerdì 22 luglio 2016

Take Off

Cari sciatori, 
il film che vi presentiamo oggi è del 2009, scritto e diretto da Kim Yong-hwa. Un grande successo di critica che ha sbancato il botteghino con i suoi 8,4 milioni di biglietti staccati, secondo per quell'anno solo a Tidal Wave.

Come spesso capita con i film coreani, è impossibile inquadrarlo in un genere preciso. Da una prima occhiata alle locandine e alle scene scelte per i trailer, sembra un film comico leggero e divertente, forse troppo improntato ad un mercato esclusivamente locale e quindi poco fruibile all'estero.
Ma non fatevi ingannare!

L'inizio ricorda una commedia brillante alla How to use guys with secret tips, ma poi la trama si complica, i personaggi prendono spessore, tutto si trasforma in un crescendo di emozioni, parentesi comiche e momenti estremamente drammatici.

Nel ruolo del protagonista troviamo Ha Jung-woo, che ricorderete per capolavori del calibro di The Berlin file, Nameless Gangster (tradotto per noi da Scodazzi), Come rain come shine (tradotto per noi da DeepWhite999 e Mac Guffin), The yellow sea, The chaser, Breath e Time di Kim Ki-duk.

Dentro c'è un po' di tutto: dalla lotta per il miglioramento personale, a una velata ironia sul patriottismo, all'elogio dell'amicizia, fino al dramma dei KAD.

Il fattore dominante è senza dubbio l'aspetto sportivo del film, dal momento che la squadra di cui si parla è esistita davvero (ed esiste tutt'ora). Con un numero di componenti minimo indispensabile, un solo sponsor e l'indifferenza di tutta la nazione che rappresentava, ha fatto faville alle olimpiadi del 1998 nella disciplina del Salto con gli sci (Sky Jumping). Uno sport improbabile per i coreani, un po' come se i giamaicani avessero una squadra nazionale di bob (Ooops!). Dopo questo film, l'attenzione del pubblico per questo sport e le vicende della Nazionale, sono cresciuti esponenzialmente, al punto che ai veri atleti è stato chiesto un parere sul film. Loro si sono dichiarati molto soddisfatti dall'attenzione ricevuta, ma tengono a precisare che nella vita reale, tutti gli atleti praticavano questo sport fin da bambini e che la squadra non è mai stata così raffazzonata come viene presentata. Il regista in un'altra intervista ha precisato che la storia si è solo ispirata ai fatti e che non era assolutamente nelle sue intenzioni di realizzare un documentario. Nonostante ciò, la maggior parte dei coreani crede ancora che Cha Heon-tae sia stato adottato da una famiglia americana e quando intervistano l'allenatore Kim, gli chiedono notizie della sua bellissima figlia che lo fa disperare!

Per la sfilza di premi e nomination ricevuti, vi rimando alla pagina wikipedia perché sono davvero troppi!

Un'altra traduzione a cura del nostro instancabile Caprenne, che si è innamorato a prima vista di questa pellicola e non vedeva l'ora di condividerla con noi.

TRAMA: Cha Heon-tae (Ha Jung-woo) è un giovane coreano adottato da bambino da una famiglia americana. Tornato in patria alla ricerca dei suoi genitori, viene intercettato dall'allenatore Bang perché in America ha praticato per anni la disciplina dello Sky Jumping. Il sogno dell'allenatore Bang è quello di formare una squadra nazionale per partecipare alle Olimpiadi invernali di Nagano, in Giappone del 1998. Deriso da tutti, senza soldi e strutture in cui allenarsi, l'allenatore visionario mette insieme un manipolo di perdenti male assortiti e cerca di farne dei campioni...

Disponibile su Amazon in Bluray sub ENG
Sottotitoli presto disponibili nel nostro fansub!
Buona visione.